Live 8 nella rete

E’ interessante come un evento globale come la serie di concerti che avranno luogo in alcune delle principali capitali del mondo nell’ambito del progetto LIVE 8 si presenti come il banco di test ideale per una copertura informativa collaborativa dal basso secondo il modello del giornalismo partecipativo. In questo scenario brilla la sezione che il sito Technorati, motore di ricerca per i blog, dedica all’evento. Il concetto di cerimonia mediale assume un connotato nuovo alla luce di questo scenario caratterizzato dalla comunicazione di massa per le masse. La connettività offerta dalla rete rende visibile la comunità di interesse che ruota intorno all’evento. Diventando visibile questa comunità diventa anche reale. Le realtà, anche quelle fatte di comunicazioni (o meglio di temi/informazioni), possono essere osservate, studiate, misurate come fenomeni empirici.

GoogleMaps e l’ottica del potere

La dimensione del controllo è sicuramente una tra le più interessanti della realtà dei media-mondo. La notizia che le foto satellitari liberamente consultabili da Google Maps violano i segreti militari mostrando l’interno delle basi italiane e statunitensi è paradigmatica in questo senso. Chi controlla chi?
La notizia ha avuto una rapida diffusione in rete e rischia di provocare non pochi imbarazzi in un epoca dove la “protezione degli obiettivi sensibili” è una priorità. Peccato che lo sguardo contemporaneo non la pensi allo stesso modo.

BlogMobile 2.0

L’autore collettivo di questo Blog parte oggi per una trasferta di due giorni a Campobasso per partecipare ad un incontro presso l’Università del Molise. L’incontro sarà l’occasione per presentare e confrontarci su alcune ricerche ed alcune metodologie sulle quali stiamo negli ultimi tempi. Ovviamente rendiconteremo in tempo (quasi) reale sul blog.