Etnografia dell’acquisto di libri online

Nelle ultime settimane ho acquistato online alcuni libri. A chi di voi non capita?

Così ho potuto fare un confronto tra Amazon e Bol.

Acquisto su Amazon il 16 agosto ed il 18 spediscono il tutto che, con supplemento per la velocità DHL, arriva il giorno 20 ma… non sono a casa. Allora il corriere lascia un professionale foglietto con scritto che ha provato a consegnarlo alle 10 e che ripassa il giorno dopo alla stessa ora. Il 21 agosto mi preparo mentalmente a ricevere il pacco e alle 10.20 suona il campanello e il gentile corriere mi consegna il tutto.

Tutta l’operazione l’ho seguita passo passo dal mio profilo Amazon, potendo meravigliarmi (ma non sono il solo) che da Bergamo a casa mia ci vuole più che dall’America all’Italia, ma seguendo lo stato di avvicinamento dei libri.

Il giorno 18 agosto acquisto altri libri ma su Bol con modalità espresso (ok, prima o poi li leggo, intanto li “stivo” sulla scrivania, che l’inverno è lungo).
Tutto regolare e i tempi sono questi:

  • Spedizione prevista entro il: 25-08-2008;
  • Consegna prevista tramite corriere espresso eBoost entro il: 27-08-2008;
  • e ovviamente:

    Puoi controllare in qualunque momento lo stato del tuo ordine consultando l’area I TUOI ORDINI sul nostro sito. A pacco ultimato sarà comunque nostra cura inviarti una nuova segnalazione via email.

    Scopro da subito che la modalità i informazione utilizzata è laconica e binaria: spedito/non spedito.

    Per giorni non so niente, mentre su Amazon seguivo il mio pacco come una microfiction quotidiana, poi il 25 agosto ricevo una mail da Bol:

    Gentile GIOVANNI BOCCIA ARTIERI ,

    siamo spiacenti di avvisarti che stiamo registrando ritardi di consegna da parte di alcuni nostri fornitori, che ci costringono a domandarti ancora un pò di pazienza rispetto all’evasione del tuo ordine.

    Siamo attivamente impegnati per minimizzare il ritardo nella spedizione dei prodotti da te richiesti.

    Ringraziandoti per la collaborazione, restiamo a tua disposizione per qualunque chiarimento.

    Grazie per l’attesa e la collaborazione.

    Ma come? I libri erano tutti disponibili da subito! Pazienza.

    Il giorno 27 agosto ricevo un sms da bol che mi dice che il mio ordine è stato spedito e che maggiori dettagli li trovo online o in una mail. Infatti trovo una mail che dice:

    siamo lieti di informarti che il tuo ordine è stato completato.

    In coda a questa mail trovi il riepilogo dell’ avvenuto invio.

    Puoi controllare in qualsiasi momento la stato della spedizione, affidata al corriere espresso eBoost, cliccando: XXXX

    Clicco sulla url del mio ordine e… niente. Nè il pomeriggio nè la sera. Il giorno dopo invece funziona e scopro da lì e da una mail spedita da eboost ,che si occupa della consegna, nella quale mi si dice che sono passati ma non ero in casa. Mannaggia. Siamo al 28 agosto. Guardo nella buchetta ma non trovo gentili foglietti con eventuali indicazioni. Per fortuna che guardo la posta regolarmente e sto abbastanza connesso.

    Oggi 29 agosto decido di aspettare in casa, vedi mai che la mattina ripassi il corriere, tanto devo lavorare su alcune cose e sono online. Appena apro una posta, con calma verso le 9, trovo una mail di eboost che mi scrive:

    Gentile Cliente, il destinatario della spedizione numero XXXXX il giorno 29.08.2008 risulta assente. Contatti il numero verde 800 070 050 per nuove istruzioni.

    La mail ha come ora di arrivo le 6.08. Vuoi vedere che stamattina tra le 4 e le 5 sono passati e io non li ho sentiti suonare? Vabbè, telefono. Mi mettono in attesa automatica. Mi cade la linea. Sfiga. Continuo fin verso mezzogiorno a provare tra una pausa e l’altra. Mi risponde una gentile signorina (gentile è il frutto delll formazione al customer care) alla quale spiego che se ieri potevo essere fuori oggi mi è arrivata una mail alle 6 di mattina. Lei conferma che oggi non è passato nessuno e che la mail sta a dire che il paco non è consegnato neanche oggi. Ma il testo l’avete letto? Per inciso, vi metto qui lo stato dell’ordine:

    “Destinatario assente” significa che io non ci sono, non che tu non sei passato. Ok, abbandoniamo le analisi del testo e finiamo la telefonata.

    La signorina mi spiega che se voglio lo passo a prndere domani al deposito (mannaggia, domani non riesco) o me lo consegnano lunedì. Ok, lunedì va bene. Ce l’hanno il mio cell, io sono a casa ma se uscissi a prendere il pane… comunque lo possono lasciare alla mia vicina… insomma… No, niente da fare. La signorina (che ha già tentato 4 volte di farmi metter egiù e passare al prossimo cliente) mi spiega che il cellulare al tizio del corriere non glielo rimborsa nessuno quindi non è detto che lui mi chiami; che la firma deve essere la mia e lo possono consegnare solo a me; che non si sa se e a che ora passa…

    Sono solo piccole banalità del quotidiano, queste; non bisogna generalizzare, nè trarre insegnamenti… eppure c’è qualcosa in questa storia che non mi torna.

    21 pensieri su “Etnografia dell’acquisto di libri online”

    1. eheheh anche io ho notato la differenza tra amazon e bol… sul fronte italiano ibs però è abbastanza all’altezza e infatti uso loro. Cmq l’ultimo miglio, cioè il corriere che materialmente recapita, è sempre il collo di bottiglia… quindi dio benedica la mia portiera🙂

    2. Infatti, io quando ho bisogno di comprare un libro in italiano, mando un’email al mio libraio di quartiere che se ne approvvigiona generalmente nel giro di uno o due giorni. Poi, tornando a casa dall’ufficio o la domenica mattina (la libreria asterisco è una sorta di presenza istituzionale a Roma Monteverde insieme con la pizzeria Er pozzo… sono aperti sempre!), passo a prenderlo e faccio due chiacchiere su come sono caduti in disgrazia i socialisti (il libraio è fissato sull’argomento)🙂
      In questo modo, risparmio anche i costi della spedizione e non sono vittima delle Poste.

    3. Io compro parecchio su ibs, ma non che ne sia entusiasta: ci mettono un secolo in più rispetto ai tempi che indicano, perchè i giorni sono lavorativi e non contano i sabati e le domeniche, perchè il pacco è pronto e sta li un giorno prima di andare in spedizione, perchè in spedizione da milano a como, se va bene, ci vogliono due giorni, perchè anche se scrivo gli orari di consegna, due volte su tre vengono quando l’ufficio è chiuso.

      E poi capita, ogni tanto, che dicano che a metà mattina o a metà pomeriggio sono passati e non c’era nessuno: peccato che il recapito è quello dell’ufficio con sette persone che ci lavorano e quando li chiamo e lo faccio presente, regolarmente, il pacco mi viene poi recapitato in due ore.

      Però, considerato che non ho mai tempo di andare in libreria, ci mettono sempre meno di quanto ci metterei ad andare a comprarli in centro città (che un giorno rimando e l’altro pure, quindi …).

      E comunque, dove sei sempre che non sei mai a casa?😉

    4. Anch’io compro spesso da ibs, e devo dire che sono piuttosto professionali. I problemi sorgono con i corrieri, che molte volte professionali non sono; una consegna di ibs mi è stata fatta lasciando il pacco in bilico sul muretto del cancello (il giorno prima aveva piovuto): ma non si deve consegnare di persona? far firmare la ricevuta? Meno male che in Italia i libri non fanno gola e nessuno ha pensato di “ritirarlo” (magari pensando ad una forma estrema di bookcrossing).

      Ho segnalato il tutto ad ibs che si è scusata e si è offerta di cambiare i libri a costo zero; in più il giorno dopo è venuto il corriere, non tanto a scusarsi, quanto a cercare di spiegare insistentemente(?!)perché aveva lasciato il pacco sul muro, alla mercè del tempo e delle intemperie: non ho retto, e l’ho invitato a tacere ed ha imparare a fare il suo mestiere. Quando ce vo’…

    5. Quindi è colpa dei corrieri e del fatto che dovremmo ritornare ad avere un sano rapporto con le librerie di quartiere. La cosa mi convince.
      E se facessimo un mashup con il libraio che viene a casa nostra e fa due chiacchiere attorno a un caffè (offerto da lui) mentre ci porta i libri?

    6. Segnalo Bookerang che sta tentando qualcosa del genere (rapporto con librerie sul territtorio) http://www.bookerang.it/;
      a dire il vero l’ho un po’ criticato perché è un clone di aNobii mentre forse poteva essere sviluppato in maniera diversa, facendo leva sulle propri, originali e condivisibili, obiettivi.

    7. @gboccia: la cosa migliore sarebbe ordinare tramite internet al libraio di quartiere, che poi ci consegna il tutto a casa. Il caffè a quel punto lo offriamo noi, ci risparmia l’incombenza del parcheggio e dell’uscire di casa.😀

    8. sarei curioso di sapere se qualcuno di BOL si sia accorto di questa tua storia….essendo un azienda di ecommerce, che si fonda su internet, tendenzialmente avrebbero dovuto…ma visto che nessuno si è fatto sentire (ne qui ne altrove mi pare) mi sa proprio di no…ed il fatto mi pare alquanto triste. non credi?

    9. @prezzemola:🙂

      @sacha: l’idea, tra le altre era proprio di testare la cosa… che sia necessario sviluppare la cultura dell’ascolto online? ma non la davamo per acquisita?

    10. Sacha e Giovanni,

      ma pensate che qualcuno di BOL il 29 agosto, venerdì di fine estate, possa passare qui e chiedere scusa?🙂

      questa storia merita di essere rilanciata con un altro post…😉

    11. Mi consola un po’ non essere l’unica vittima di disservizi estivi nell’acquisto (di libri) online
      solo con le aziende italiane pero’ stranamente le cose non funzionano

    12. Più che un problema di BOL (che ha comunque la sua parte di responsabilità) mi sembra più un problema di vettore.

      Ma vi garantisco che gli e-store lottano ogni giorno per risolvere le inefficienze del sistema italia e spesso ‘pagano’ per colpe a loro non imputabili.

    13. @giovanni: non c’è dubbio che la cultura dell’ascolto vada ancora sviluppata pienamente (pare anche nelle aziende di e-commerce)

      @Luca: non mi aspettavo certo un intervento immediato (venerdi 29 agosto). Anche uno un po’ tardivo andrebbe bene, ma ribadisco, chi fonda il suo business su internet non puo’ permettersi di non ascoltare i propri clienti online.

    14. В нынешней ситуации большинство тем отходят на второй план. Интересно, как мы будем жить, если доллар рухнет?

    Lascia un commento

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...