Epilogo in forma di apologo

Ecco l’epilogo di Etnografia dell’acquisto di libri online

Il legittimo proprietario del pacco deve accompagnare la bambina delle elementari dagli occhi azzurri dalla pediatra. Si chiede come fare per ricevere il pacco che, a quanto sa, deve arrivare solo nelle sue mani.

Il pacco intanto si prepara per essere accolto dalle mani del legittimo proprietario ed uscire dal furgone chiuso che gli impedisce di vedere la luce. E’ l’ultimo miglio, ma i una busta  a soffietto che giace sotto di lui e amante di letture americane gli dice “Non ti rallegrare, è il tuo miglio verde!”. Accanto buste, piccoli paccheti e scatoloni urlano “Pacco morto in movimento!”, strusciandosi contro le pareti del furgone e producendo un assordante rimbombo metallico. Dal suo posto di guida l’uomo dei pacchi sobbalza, ma il rumore cessa in pochi secondi – “Sarà una folata di vento” pensa.

Il legittimo proprietario del pacco decide che il legame consanguineo sarà sufficiente a garantire l’acquisizione del pacco, quindi impone alla videoadolescente di aspettare in casa l’arrivo.

“Ma io mica posso firmare!” sostiene la videoadolescente.
“Ma certo! – dice il legittimo proprietario del pacco– Sei sangue del mio sangue e questo sarà sufficiente a garantire la transizione!

Quaranta minuti nel futuro.

Il legittimo proprietario del pacco torna a casa e trova il pacco a rilassarsi sulla tavola di legno.

– Tutto bene, quindi.
– Si, ma mica mi ha fatto firmare niente. – dice la videoadolescente – Mi ha detto ” Ho un pacco per il legittimo proprietario del pacco“. “Si, mi hanno avvertita” – “Toh!” – “E se n’è andato”.

– Strano – pensa il legittimo proprietario del pacco – la centralinista obbligatoriamente cortese aveva detto che “la firma deve essere la mia e lo possono consegnare solo a me“. Niente vicini dunque… per questo ho pensato al legame di sangue.

Tre minuti nel futuro.

Il pacco è divelto, squarciato, lacerato. Accanto un coltello, Mirto, manico in ulivo, lama in Aisi 420, perni in ottone, distanziali in ottone, lama da 10,5 cm.

– Sei solo l’involucro – pensa – solo cartone e trucioli, ma io credo nel riciclo. Risorgerò a nuova vita.
E’ il suo ultimo pensiero.

Dieci minuti nel futuro.
La mano del legittimo proprietario del pacco apre un bidone verde della spazzatura, quella generica. Non c’è quello della carta in zona. Peccato.

Pensa: – Nessuna firma significa che questo pacco potrebbe non essere mai arrivato. E’ la parola dell’uomo dei pacchi contro la mia.

Ma il pensiero sfugge subito. Il cellulare squilla. Risponde.

La morale? Trovatela voi.

Un pensiero su “Epilogo in forma di apologo”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...