Elogio del tempo nuovo. Perché Grillo ha vinto

scintilla

Elogio del tempo nuovo è un’affettuosa citazione e un rimando a quell’analisi sulla vittoria di Berlusconi fatta da Alberto Abruzzese nell’ormai lontano 1994. Come allora ci troviamo di fronte ad una mutazione che la deflagrazione di un 25.5% di consensi alla Camera fa del Movimento 5 Stelle il primo partito italiano. Un partito che contiene nel nome-simbolo un indirizzo web: beppegrillo.it, un atto simbolico programmatico che rappresenta con questa forma la solidarietà piazze/Rete come unità ineludibile, che ha un punto di riferimento chiaro nella solidarietà reale/digitale come condizione ineliminabile per pensare la forma organizzativa di una politica in era tardo moderna.

Ci troviamo di fronte allo stupore politico e mediale per quei parlamentari grillini intervistati che a fronte di precise domande sulle posizioni del partito in relazione ai temi caldi che si troveranno ad affrontare rispondono: “Lo decideremo tutti insieme nel movimento: noi amiamo la democrazia diretta e quando decidiamo lo facciamo insieme”. Impensabile risposta se ci rifacciamo al principio democratico di rappresentanza. Nessun politico telefona ai suoi elettori per sentire cosa ne pensano a proposito di una posizione che lui deve assumere. È impensabile ed impraticabile allo stesso tempo. Chi invece ha interiorizzato forme e linguaggi del web trova normale e possibile che si possa sfruttare una forma molti-a-molti di comunicazione per prendere collettivamente decisioni: il modello di wikicrazia è alla portata di tastiera e una piattaforma come LiquidFeedback consente di strutturare un modello di democrazia liquida, con il suo sistema di deleghe .

Lasciamo per un attimo perdere il contenuto utopico di una politica che si pensa in questo modo, ed anche la scarsa efficacia di modelli decisionali in cui spesso le proposte progressiste o quelle eversive vengono eliminate dalla concentrazione di consenso sulla medietà. Concentriamoci sulla discontinuità di grammatiche e linguaggi che il Movimento 5 Stelle proporrà con ostinazione tecno-cognitiva: la trasparenza associata allo streaming, per dirne una. Note dissonanti, che spesso creeranno equivalenze improbabili (non è che dare tutto in streaming significhi necessariamente garantire la trasparenza) ma che proporranno una semantica diversa nel linguaggio della politica.

Potrebbero proporre.

Infatti si tratta di una semantica che saprà cambiare i significati – ad esempio dare un senso “percepibile” all’open government – solo se la deflagrazione quantitativa dell’esito elettorale saprà costruire una vera discontinuità qualitativa. Il Movimento 5 Stelle potrebbe finire per restare congelato nell’essere una conseguenza della realtà sociale e culturale da cui origina e non la scintilla di un mutamento a venire.

In fondo  anche Grillo (come Berlusconi) è una conseguenza e non una causa, o meglio, come spiegano in un lungo e lucido post i Wu Ming (che mette a fuoco un post molto osteggiato scritto per l’Internazionale), è una conseguenza che retroagisce sulle cause:

Da noi, una grossa quota di “indignazione” è stata intercettata e organizzata da Grillo e Casaleggio – due ricchi sessantenni provenienti dalle industrie dell’entertainment e del marketing – in un franchise politico/aziendale con tanto di copyright e trademark, un “movimento” rigidamente controllato e mobilitato da un vertice, che raccatta e ripropone rivendicazioni e parole d’ordine dei movimenti sociali, ma le mescola ad apologie del capitalismo “sano” e a discorsi superficiali incentrati sull’onestà del singolo politico/amministratore

L’unica scintilla che potrà innescare cambiamento proviene dalla sua natura di “movimento”. E per questo la versa sfida, che come ha spiegato il sociologo Niklas Luhmann vale per ogni movimento, è di sapere dare corpo alle differenze:

i movimenti che al contrario dell’economia, della politica o della scienza non avanzano la pretesa di governare, gestire e fare scienza, rimangono fenomeni marginali. Le esigenze che vengono avanzate dall’esterno nei confronti dei sistemi, senza però volersi assumere le loro funzioni, costituiscono una presunzione. In un secondo momento questo problema si presenta come incapacità di negoziazione.

La sfida della governance e della negoziazione è quindi la versa sfida che attende l’elogio di un tempo nuovo.

Il senso della Rete per la politica: le prime elezioni italiane che scorrono online

vote

Politica al tempo di elezioni. Questa è stata la prima tornata elettorale che avrebbe dovuto vedere un protagonismo della Rete. Avrebbe, appunto.

Riconosco il valore dell’engagement online, dei tentativi di parlare in modo disintermediato con i propri elettori. Anche se dovremmo prima o poi però riflettere se una conversazione unidirezionale fra lo staff di un politico e i suoi follower sia disintermediazione e in quali modi.

Ma pur stando attenti ai diversi tentativi d’uso del web ed in particolare dei social network ed in particolarissimo di Twitter da parte delle forze politiche, mi sembra che le novità di una campagna elettorale in epoca di connessione stia da un’altra parte. Provo ad elencarla in 4 punti.

1. Ad esempio nella social television. La forza di una comunicazione politica che è cresciuta tra personalizzazione e presenza televisiva ha trovato un acceleratore nella pratica del doppio schermo. Se analizziamo la mole di conversazioni prodotte online attorno alla campagna elettorale troviamo nelle serate dei dibattiti tv, nella giornata successiva e negli #hashtag correlati l’acceleratore delle issue della campagna elettorale. O meglio, i temi dei programmi elettorali sono restati in ombra a fronte delle politics e delle polarizzazioni da fandom sui candidati,  se si fa eccezione del tema fiscale che viene però scatenato da un coup de théâtre mediale di Silvio Berlusconi che detta l’agenda con il rimborso dell’IMU e le trovate correlate. La cultura tv centrica della politica italiana e la sua natura pop ha trovato nei social network, come luogo dell’intrattenimento informativo degli italiani, un ambiente adatto per radicarsi.

Un driver per questa cultura sono state sia le testate televisive presenti online, che hanno sviluppato nell’ultimo anno strategie di engagement dei pubblici connessi (proponendo #hashtag, alimentando conversazioni, lanciano durante la puntata e la settimana sintesi e domande al “pubblico”) che le testate giornalistiche, che seguono eventi della politica tv facendone un centro di visibilità per la loro presenza online (con giornalisti che twittano da account ufficiale della testata e rilanciano alle loro reti).

2. Ad esempio nella sopravvalutazione di Twitter. La presenza di giornalisti e testate, una certa spocchia elitaria da influencer, ha fatto sì che molta attenzione mediale e dei politici si sia concentrata su Twitter come luogo di iper attenzione non corrispondente alla numerosità di italiani che lì si informano e partecipano. Eppure l’attenzione per il wow di Monti da parte della Rete e dei media mainstream è un indicatore di come i social network siano stati interpretati come luogo di visibilità off line.

Avremmo dovuto invece  guardare anche Facebook e quell’engagement che siti e blog hanno stimolato online, tra post e commenti, tra discussioni e crescita di attenzione per i partiti.

Avremmo dovuto analizzare l’influenza del web analizzando followers, retweet e people talking abouts normalizzando il dato e non leggendo il dato assoluto.

talking abouts line

Avremmo scoperto così, ad esempio per Facebook, il rapporto tra investimento pubblicitario dei partiti e reale efficacia nell’engagement. Non solo Grillo ma anche Ingroia, quindi, ad esempio. E la sensazione netta che solo il Movimento 5 Stelle è cresciuto fino all’ultimo momento.

3. Ad esempio nella mutazione della percezione pubblica del senso del silenzio elettorale e della sospensione pubblica di informazione sui sondaggi. Abbiamo visto emergere nei social network sondaggi, più o meno camuffati da corse clandestine di cavalli o da previsioni di voto del concalve o esplicitamente postati online da chi ha contatti con gli istituti di ricerca, o più banalmente, con i partiti politici. E sul silenzio elettorale abbiamo visto emergere dalla sidebar Facebook pubblicità di partiti e su Twitter sono emersi retweet dei politici durante le ore di silenzio.

sidebar FB

La norma nicchia a fronte della mutazione che gli stati di connessione propongono. E anche il divieto di fotografare la propria scelta elettorale nel seggio, misura cautelare per il voto di scambio, è stato infranto da una realtà instagrammata e pubblicata. Dovremo confrontarci con l’emergere di pratiche e di possibilità che scavalcano la mediazione di attori istituzionali come i media mainstream; e non fingere che la circolazione dell’informazione sia controllabile secondo logiche ad imbuto.

4. Ad esempio nella stretta relazione fra Rete e piazza. Il senso di meraviglia per quelle piazze piene per i comizi elettorali – non solo di Grillo – andrebbe analizzato in omologia ai linguaggi comunitari e di appartenenza che il web sociale ha intercettato e sospinto. La sfera pubblica in un contesto culturale caratterizzato dalle possibilità dischiuse dalla Rete si orienta non più solo agli strumenti di comunicazione (come tradizionalmente con la stampa e la televisione) ma anche alle concrete pratiche di produzione della comunicazione rese disponibili ed accessibili dai nuovi strumenti del comunicare da parte di attori sociali anche non istituzionali ed estranei al mercato.

Sono le conversazioni dal basso che prendono voce, che si integrano con le forme delle comunicazioni di massa, che generano connessioni nuove e problematiche anche con gli attori istituzionali, come ha sperimentato la politica con il M5S .

Questa realtà non ha più quindi la funzione principale di rappresentare i temi della società ma di irritare i media, la comunicazione politica e, in definitiva la società, a partire dai micro-vissuti connessi e dalle nuove pratiche che si sviluppano, da micro-narrazioni nella potenzialità della loro aggregazione (volontaristica, ad esempio attraverso #hashtag). Questa funzione irritativa risponde in parte quindi anche alle critiche di scollamento fra momento di partecipazione online ed assenza di progetto, come se vivessimo un costante scollamento fra momento comunicativo e prassi, fra l’agire online e l’andare in piazza. D’altra parte sempre di più oggi la vita autonoma sembra manifestarsi come etica senza progetto:

forse è questo il piano su cui riconoscersi: un piano privo di progetto, privo di trascendenza, privo di futuro, in cui l’azione politica consiste essenzialmente nel contagio, nella comunicazione della vita etica [cioè] la singolarità e insieme l’esemplarità di esperienze comunicabili di vita sensibile, scrive Bifo.

Quelle esperienze di vita sensibile capaci di relazionare, nella connessione, il piano della singolarità con quello collettivo, come pura emergenza. Capaci di produrre contenuti che possono diventare issue per la politica o tenere sveglio il sistema della politica per irritazioni continuative, così come cadere nell’irrilevanza.

Scrive Hassanpour:

tutti i post su Twitter, i testi e post sul wall di Facebook, sono formidabili per organizzare e diffondere un messaggio di protesta, ma possono anche diffondere un messaggio di cautela, di soprassedere, di confusione o di io non ho tempo per tutta questa politica, hai visto cosa indossa Lady gaga?

La sfida è quindi quella di capire se e come questa modalità di produrre ed abitare “dal basso” (grassroots) la sfera pubblica si stia relazionando alla sfera politica tradizionale. Non si tratta, quindi, di presupporre un potenziale rivoluzionario di Internet o un adattamento delle possibilità della Rete allo stato delle cose, di seguire piste utopiche o conservatrici, ma di trattare operativamente la funzione di irritazione che vengono prodotte nella sfera politica.

Oppure i cattivi di Gotham

Nel periodo elettorale ci scontriamo con campagna ironiche, non sempre riuscite. Con l’uso dell’immaginario dei fumetti, con supereroi che fanno endorsement a partiti creando polemiche con case editrici e fan. E poi ci sono cose che nascono altrimenti e che hanno un’idea dietro, sviluppata con cura a livello grafico.

Come questa.

italiagiusta

bersani batman

robin

 

berlusconi joker

 

monti freeze

giannino enigmista

grillo penguin

ingroia duefacce