House of Cards in salsa pugliese

images

House of Cards è una serie Netflix sulla politica che ha saputo talmente penetrare l’immaginario contemporaneo sul potere da permetterci di giocare con ironia su Twitter con la candidatura di Hillary Clinton.

Il Presidente USA della serie, Frank Underwood (un profilo non ufficiale della serie, sia chiaro, ma l’effetto è ugualmente dirompente), gioca con la corsa delle presidenziali in un’operazione di real time marketing in perfetta sintonia con il prodotto.

Le cose si fanno decisamente più complesse quando Michele Emiliano, candidato PD per le elezioni regionali in Puglia, replica al messaggio chiedendo ad Underwood di trovargli un avversario, alludendo alle difficoltà (e polemiche) che il centro destra ha in quel territorio ad esprimere un candidato.

Tweet al quele Underwood risponde, consigliando un Repubblicano come Rubio.

Si compie così un collasso perfetto tra spazio reale e finzionale della politica, teso a giocare con una sensibilità della Rete per dinamiche fandom e linguaggi ironici. La dinamica conversazionale tra persona e personaggio è un forte indicatore del fatto che, spariti sempre più dalla comunicazione politica i corpi intermedi e aumentata la declinazione in chiave di personalizzazione/leadearizzazione, i social media come Twitter rappresentano l’occasione di una messa in contatto diretta ed immediata tra politica e cittadinanza che passa da formule originali. In un mix fra personal branding, attivazione di una fan base, messaggio politico (l’incapacità dell’avversario ad esprimere un candidato), il Tweet ha stimolato la produzione di contenuti ad esso legati che lo hanno amplificato, rilanciato ed esaltato. Immediate anche le risposte dei media che hanno fatto da ulteriore cassa di risonanza.

Molti tweet online, anche del giro della politica, definiscono l’operazione come vincente. Io invece mi chiedo, al di là dell’effetto immediato di visibilità, come il linguaggio della politica si stia trasformando nel collasso tra reale ed immaginario. E quanto la predilezione dell'”eventizzazione” online sposti sul versante boradcast una comunicazione che in questi ambienti potrebbe sfruttare al meglio la natura conversazionale.

Update

Nella stessa giornata House of Cards viene citata indirettamente attraverso il Tweet di Enrico Letta:

Nel suo nuovo libro la serie viene presa a modello di una politica fatta di intrighi di potere da cui allontanarsi: “governare non è comandare”. Ogni riferimento al Premier in carica (amante della serie) è certamente voluto.

Quando i social media diventano di massa

imgres

Osservare oggi la realtà dei social media in Italia significa confrontarsi con la loro mainstreamizzazione.

Questa è il prodotto di un accesso sempre più di massa a cui è corrisposto un uso sempre più “normalizzato” degli ambienti digitali. Fino a qualche anno fa ci sembrava che la condizione naturale di queste realtà fosse il loro essere aperte ad una continua sperimentazione, il loro essere in “beta permanente”, dicevamo, Anche dal punto di vista dell’uso da parte degli utenti.

Oggi questa condizione è diventata sempre più una nicchia evolutiva: l’eccezione e non la regola. La normalità è invece costituita dalla parte emersa, quella che si mostra con tutta la sua auto-evidenza nella nostra esperienza quotidiana, e che mostra come ci sia una centralità dei linguaggi televisivi che ha assorbito logiche e dinamiche della connessione. Ne abbiamo discusso al festival di cultura digitale MedioEra con Antonio Pavolini e Alessio Jacona di come l’uso più recente dei social media finisca per replicare in ogni micro realtà la dinamica celebrity-audience con una vocazione che dipende dall’essere “broadcaster dentro” e che spesso riversa online codici e linguaggi della neoTV caciarona, volgare, sopra le righe, ricca di sfoghi emotivi e dell’equivalenza delle opinioni rispetto alle competenze. In fondo Vittorio Sgarbi al Maurizio Costanzo Show era un esempio di come si trollano gli altri.

Questa percezione del come dover essere in Rete che tende a guidare spesso chi più recentemente è entrato, dipende anche dal racconto che della Rete stiamo costruendo nei media(ne parlo più approfonditamente su Agenda Digitale ), che esalta il carattere di personalizzazione e il culto della celebrity che comunica alle masse: tra Fiorello e Renzi, per capirci.

Non che la Rete sia solo questo, ma il racconto di questa sua parte emersa, il mutamento di scala che l’accesso generalizzato e di massa ha prodotto nei social media, genera una percezione diversa del “dover essere” nell’online che accentua più spesso l’attenzione all’avere un audience che l’esaltazione del versante conversazionale, che è il nostro vero petrolio sociale.